Vaccaro manda il Viggiano in paradiso

Festeggiamenti postpartita

Per la prima volta nella sua storia, il Viggiano si aggiudica la Coppa Italia Basilicata a scapito di un Valdiano, beffato per la terza volta in finale. Coppa in Val D’Agri dopo diciassette anni, quando fu il Villa D’Agri a fare la voce grossa. Soddisfazione per il presidente La Neve che dopo anni di ottima gestione riesce a riempire anche la bacheca del club valligiano. Dispiacere e rabbia in casa Valdiano a fine gara con l’annuncio di un inspiegabile silenzio stampa. Taglianetti può disporre dei suoi uomini migliori e lascia in panchina Izzo, non al top della condizione. 4-4-2 classico con Serritella e Mangrella di punta e fiducia data a Carlo Sacco, schierato sul versante destro. Il Valdiano viste le pesanti assenze di Calandriello e Pascuzzo, nomi altisonanti, opta per un 4-2-3-1 con Salomone unica punta, supportato da Falivena, Laino e Sanseviero. Possesso palla e predominio territoriale di marca viggianese, con primo brivido creato su palla inattiva: Roberto Perna pennella al centro, De Pascale spizzica di testa e Gallone si fa trovare pronto per la respinta. Salomone è imbrigliato da Capodanno, che si preoccupa di contenere anche le velleità di Laino, e da De Pascale che lo francobolla a dovere, limitandone raggio d’azione e profondità. Così Falivena e Sanseviero duettano pericolosamente sulla trequarti con quest’ultimo che mette al centro senza trovare l’intervento di un proprio compagno. Due minuti dopo Roberto Perna in disimpegno sceglie il lancio lungo, imbecca la partenza di Mangrella che converge sul detro, tocco filtrante deviato da un impreciso De Filippo e zampata vincente di Serritella che sottomisura non sbaglia. Non esiste una vera e propria reazione rosanero, con idee confuse e una retroguardia del Viggiano sempre attenta dinnanzi ad un Giuseppe Perna inoperoso. Al 27′ è ancora Mangrella a tentare di aprire la difesa avversaria con un destro in girata che chiama all’intervento Gallone. Corre ai ripari Masullo ed inserisce Iodice al posto di uno spento De Filippo, con l’arretramento di Malito sulla linea dei difensori. La ripresa si apre sotto un’altra musica. Il Valdiano entra in campo con un’ altra mentalità, quella giusta, quella di una squadra ferita e vogliosa di riscattarsi. Dopo sei minuti l’episodio che sembrerebbe far pendere l’ago della bilancia dalla parte dei rosanero. Gratuito fallo a centrocampo di Malito che viene giustamente espulso, commettendo una colossale sciocchezza, lasciando così i propri compagni in inferiorità numerica. Ci si aspetterebbe un forcing valdagrino alla ricerca del gol del raddoppio, ma immediatamente esce fuori un grande Valdiano, cattivo e a tratti anche pericoloso. Scudiero, ingaggiato in settimana dal Policoro, si prende in mano le chiavi del centrocampo e inizia a distribuire palloni interessanti, schiaccando nella propria metà campo il Viggiano. Al 20′ punizione dai trenta metri di Salomone magistrale, G. Perna non può nulla vedendo la sfera scavalcare la barriera ed insaccarsi alle proprie spalle. Così anche le probabilità di successo vengono pareggiate e subito dopo è un generosissimo Scudiero a tentare la bordata su punizione: sfera alta non di molto, ennesimo segnale che il Valdiano sembra aver trovato coraggio dall’espulsione del proprio capitano. Timidamente il Viggiano si riaffaccia nella metà campo valdianese, trovando il jolly al minuto trenotto. Sponda di Serritella per Vaccaro che trova il gol della domenica con un destro a spiovere che fa secco Gallone. Rete che manda in estasi il settore riservato ai tifosi provenienti dalla Valle ed anche Ramon Taglianetti che viene espulso in seguito ad una esultanza forse troppo accesa. Cinque minuti di recupero non cambiano le sorti del match, vince il Viggiano che scrive la storia. 

TABELLINO:

VIGGIANO: G. Perna, Anastasio, Della Guardia, R. Perna, Capodanno, De Pascale, Lo Bosco (43′ st Vaccaro), Corsaro, Serritella, Mangrella (10′ st Izzo), Sacco (31′ st Scarici). A disp: Davide, Santalucia, Robilotta, Varallo. All. Taglianetti

VALDIANO: Gallone, Puoli, Scutumella, De Filippo (31′ pt Iodice), Malito, Ietto, Falivena, Scudiero, Falivena, Laino, Sanseviero. A disp: Zaina, Criscito, De Franco, D’Amato, Morena. All. Masullo


ARBITRO: Salvatore di Potenza (Pascaretta – Collocola)

RETI: 17′ pt Serritella (VI), 20′ st Salomone (VA), 38′ st Vaccaro (VI)

NOTE: Giornata soleggiata, campo in sintetico. Spettatori circa 600. Ammoniti: Ietto, Scudiero (VA) Della Guardia, R. Perna, Corsaro, Izzo (VI). Espulsi al 6′ del st Malito per fallo antisportivo e mister Taglianetti. Recupero: 2′ pt, 5’st. 

Print Friendly, PDF & Email