Matera, “Il vangelo secondo Matteo” cinquant’anni dopo

Il 4 settembre del 1964 veniva presentato, in prima assoluta mondiale, “Il Vangelo secondo Matteo”, un film girato da Pier Pao01-matera-1964-pier-paolo-pasolini-insieme-a-elsa-morante-susanna-pasolini-e-graziella-chiarcossi-fotografia-di-angelo-novi-cineteca-di-bolognalo Pasolini qualche mese prima. Il “Vangelo secondo Matteo” compie mezzo Secolo. Una mostra mette a fuoco la genesi del capolavoro pasoliniano e il rapporto del regista con la città di Matera.
A distanza di cinquanta anni, nell’ambito di Matera è Fiera, l’evento verrà celebrato la sera del 3 settembre, con una mostra fotografica di scatti realizzati, sul set del film, da Domenico Notarangelo .

Ad organizzare l’iniziativa l’associazione culturale Pier Paolo Pasolini di Matera che rende nota, inoltre, la presentazione del libro “Pasolini Matera”dallo scrittore Maurizio Nocera e dalla giornalista Sissi Ruggi. Il volume, edito da Giannatelli, contiene una serie di fotografie di Domenico Notarangelo autore anche di un testo in cui racconta la propria collaborazione con Pasolini durante le roprese del Vangelo secondo Matteo. Nel volume, con le prefazioni di padre Virgilio Fantuzzi e di Rocco Colandriello, foto e testi testimoniano la collaborazione avvenuta fra Pasolini e il fotografo durante le riprese del film.

Print Friendly, PDF & Email
Marianna Figliuolo

Marianna Figliuolo

Salve a tutti mi chiamo Marianna, sono laureata in Scienze della Comunicazione ed ora sto proseguendo il mio percorso universitario con la laurea magistrale in Scienze Filosofiche della Comunicazione all’Università degli studi della Basilicata. Studiare l’attualità vicina e lontana, curiosare, chiedere, capire il più possibile per poi spiegare agli altri ciò che si è compreso mi è sempre piaciuto. Quella del giornalista è una professione che mi interessa e che attrae molti giovani a cui piace scrivere e viaggiare, ma il giornalismo non è solo questo, è soprattutto curiosità per le persone, gli eventi, per la realtà che ci circonda, ed è poi indubbiamente “notizia”. È questa idea che mi ha avvicinata a quello che poi dal 2011 è diventato il mio percorso di collaborazione con La Nuova Del Sud e che oggi continua con Il Lucano Magazine.