Calzoncini di Natale

Una ricetta natalizia golosa ed emozionante, un viaggio di gusto tra i ricordi. Sono i calzoncini, o meglio, i cavzuncini. Un fritto ricorrente delle nostre feste lucane farciti di crema di ceci, ma anche di castagne e cioccolato. Agli scettici che sentono parlare di ceci in un dolce dico di provarli senza riserve!

INGREDIENTI

per l’impasto

  • 250 gr di farina 001
  • 1 uovo
  • 30 gr di olio evo o 40 gr di strutto
  • 50 ml di acqua
  • 1/2 bicchierino di grappa
  • 30 gr di zucchero semolato
  • olio di semi di soia per friggere

per il ripieno

  • 150 gr di ceci già lessati
  • 70 gr di cioccolato fondente (min. 70%)
  • buccia di 1 arancia bio
  • 40 gr di zucchero
  • 1 pizzico di cannella
  • 1 goccio di latte

PROCEDIMENTO:

  • predisporre in una capiente ciotola la farina a fontana
  • situare al centro l’uovo e lo zucchero
  • rompere l’uovo con una forchetta e amalgamare al centro
  • aggiungere l’olio (o il burro morbido), la grappa e gradualmente l’acqua
  • riporre il composto su un piano infarinato
  • impastare fino ad ottenere un composto elastico
  • coprire con un piatto e far riposare circa un’ora
  • riporre in un mixer il cioccolato a scaglie
  • accorpare i ceci, la buccia di arancia, la cannella e lo zucchero
  • mixare2
  • per ottenere una crema non troppo liscia unire un goccino di latte
  • stendere l’impasto in una sfoglia spessa circa 3 mm
  • distribuire dei cucchiaini di ripieno ben distanziati tra loro
  • passarne i bordi con le dita inumidite
  • ricoprire con la pasta ripiegandola su se stessa
  • chiudere i bordi e ricavarne dei raviolini
  • scaldare l’olio di semi in una padella adatta alla frittura e friggere pochi fritti alla volta per non far scendere la temperatura
  • ruotare i dolci per farli dorare su entrambi i lati
  • asciugarli con la carta assorbente
  • lasciarli raffreddare e servirli cosparsi di zucchero a velo

Seguite Raffaella sui suoi blog qui e qui!

Print Friendly, PDF & Email
Raffaella Caucci

Raffaella Caucci

Lagonegrese e lucana DOC; importata a Roma da 14 anni. Laureata in Comunicazione, professionista in pubblicità, moglie e madre; amante della cucina e del cibo in ogni sua forma: credo fermamente che sia una cosa serissima, un antidoto alla tristezza ed alla frustrazione quotidiana; un momento di piacevole relax e di condivisione. Perchè "mangiare" va ben oltre il semplice "nutrimento". E' un modo per raccontare e conoscere la cultura di un paese; è un momento di intimità con chi amiamo; è bellezza per i nostri occhi e piacere puro per il nostro palato.