Gli incontri dell’Associazione “Francesco Saverio Nitti”

inittif001p1

inittif001p1

I soci dell’Associazione Nitti, simpatizzanti e appassionati tornano ad incontrarsi, a Melfi, sul tema Radici, realtà e prospettiva. L’Associazione “Francesco Saverio Nitti”, promotrice ormai da anni di interessanti incontri sui temi di più grossa attualità, rivestendo, tra l’altro, il ruolo fondamentale di socio fondatore della Fondazione Nitti, propone un nuovo ciclo di incontri pubblici che si ispirano ai grandi temi nittiani e si impegnano con interventi e, quindi, un contributo di qualità, sui dibattiti che oggi coinvolgono e interessano l’Italia, riportando, in particolare, l’attenzione, purtroppo attualmente non adeguatamente focalizzata dall’attuale classe politica, sul Mezzogiorno.

I temi riguardano il lavoro, la scuola, il patrimonio culturale, che l’Associazione vuole richiamare come “nodi prioritari” nell’ottica di un nuovo necessario protagonismo propositivo di operatori, utenti e cittadini.

In apertura è previsto, il 20 Settembre, alle ore 17,30 presso l’auditorium del centro culturale Nitti di Melfi, l’incontro su il Lavoro imprigionato. Marco Percoco, docente dell’Università “Bocconi” di Milano intervista l’On. Guglielmo Epifani, presidente della X Commissione Camera dei Deputati. Il suo intervento è particolarmente atteso in un momento in cui si discute di riforma del lavoro, si coglie il rischio di un indebolimento delle tutele essenziali dei diritti dei lavoratori – in una stagione già segnata da difficoltà enormi- rispetto alle quali l’ex- sindacalista ha sempre mostrato sensibilità.

L’8 novembre sarà la volta dell’incontro su La scuola coraggiosa durante il quale Giovanni Vetritto intervisterà Marco Rossi Doria già sottosegretario di Stato Ministero dell’Istruzione; il 6 dicembre ci incontreremo per La bellezza perduta su cui Stefano Rolando intervisterà Claudio Strinati storico dell’arte, dirigente del Ministero per i beni e le attività culturali.

Print Friendly, PDF & Email
Margherita E. Torrio

Margherita E. Torrio

Ha insegnato nei Licei. Attualmente è iscritta all’Ordine dei pubblicisti e dei giornalisti della Basilicata. Scrive su testate locali e si interessa di ricerca.