“NON SCADO” AL VIA IL PROGETTO DI LEGAMBIENTE NELLE SCUOLE DI POTENZA

Da lunedì 23 febbraio nelle scuole medie inferiori di Potenza “Leonardo Sinisgalli” e “Domenico Savio” prenderà il via il progetto “Non Scado” promosso da Legambiente Basilicata e sostenuto con i fondi Otto per Mille della Chiesa Valdese (Unione delle Chiese Valdesi e Metodiste). Scopo del progetto è creare una rete di scambio che metta in contatto la grande distribuzione della città di Potenza con realtà del Terzo Settore, che si occupano di persone in evidenti difficoltà economiche, per un servizio di approvvigionamento continuativo di prodotti alimentari in scadenza rimasti invenduti e scartati lungo l’intera filiera agroalimentare in modo da ridistribuirli gratuitamente seguendo l’esempio del “Last Minute Marker” di Bologna.

Ogni anno, infatti, una famiglia italiana butta in media 49 kg di cibo. Complessivamente vengono sprecati 1,19 milioni di tonnellate di alimenti con una perdita economica pari a circa 7,65 miliardi di euro (316 € per famiglia) e gli sprechi maggiori riguardano: verdura (10,7 kg), frutta (9,9 kg),  pane (9,1 kg), pasta (6,0 kg). Questo è il risultato della ricerca realizzata nel 2014 da GfkEurisko con la collaborazione di Auchan e Simply e che è stato reso noto in occasione della Giornata nazionale contro lo spreco alimentare.

Il percorso di educazione ambientale e alimentare “Non Scado” è rivolto a 8 classi delle suddette scuole e prevede attività in classe e laboratori dalle ore 9.00 alle ore 13.30. In questa prima giornata saranno coinvolti gli studenti delle classi II A, II B, II D e II E dell’Istituto comprensivo Domenico Savio. Successivamente saranno coinvolti gli studenti della scuola media Sinisgalli e si organizzeranno anche degli incontri periodici rivolti ai cittadini-consumatori per illustrare ed approfondire i temi progettuali così da intervenire efficacemente nella produzione di un cambiamento di atteggiamenti e di comportamenti relativi alla qualità dei consumi e alla loro sostenibilità. Passo fondamentale è portate all’attenzione di tutti i cittadini, attraverso campagne di sensibilizzazione, i temi dello spreco alimentare e della riduzione della produzione dei rifiuti in modo da incentivare tutti ad attivarsi in iniziative di riduzione degli sprechi e di riutilizzo di beni e prodotti che siano presenti nel proprio territorio modificando così comportamenti e stili di vita consumistici. 
Flavia Adamo

Print Friendly, PDF & Email

Flavia Adamo

Sono laureata in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi della Basilicata e per poter completare e acquisire le giuste competenze in ambito comunicativo ho deciso di proseguire il mio percorso universitario presso l'Università di Salerno seguendo quelle che sono le mie passioni e i miei interessi attraverso il corso di laurea magistrale in Teoria dei linguaggi e della Comunicazione audiovisiva. Collaboro con il Lucano Magazine da settembre 2013 occupandomi di tutto ciò che desta la mia curiosità in particolare in ambito culturale e artistico. Credo che la comunicazione sia alla base di tutti i processi umani e che bisogna sempre ricordare il passato per vedere le grandi cose che si sono fatte e si possono fare nel futuro. Spesso e volentieri sono le piccole cose che catturano la mia attenzione, in fondo sono “la passione e la curiosità a guidare l'innovazione”. (Dan Brown)