La festa del calcio lucano

tavolo presidenzaNon solo premiazioni, ma incontro proficuo su temi interessanti che riguardano il calcio dilettantistico come la comunicazione e il marketing, il 5 x 1000 e il vincolo per i calciatori dilettanti . La festa del calcio lucano, tenutasi nella sala Inguscio a Potenza, è stata l’occasione per incontrare le società affiliate e dare continuità ad un dialogo proficuo con le stesse.

I lavori si sono aperti con la proiezione di un video realizzato dagli studenti della classe 1^ D dell’IIS Nitti-Falcone di Potenza nell’ambito del progetto Campioni senza trucco promosso dalla Figc-Commissione antidoping e Unicef Italia. Dopo i saluti del presidente del Coni regionale, Leopoldo Desiderio, è toccato al presidente del Comitato regionale della Figc-Lnd Basilicata presentare l’evento.

“Abbiamo inteso sfruttare quest’occasione – ha affermato Piero Rinaldi – per fornire alle società informazioni su tematiche da loro stesse sollecitate attraverso dei questionari che si sono rivelati uno strumento efficace per conoscere il loro pensiero, per mantenere un dialogo costante con le stesse società e per mettere a punto iniziative mirate sulle problematiche emerse in base alle loro esigenze”.

I risultati delle interviste sono stati presentati dal consigliere del CRB Antonio De Bonis. “Nelle scorse settimane abbiamo sottoposto alle 251 società affiliate al nostro Comitato (195 Lnd e 56 Sgs) un questionario su alcuni temi: iscrizione al Coni e al registro dedicato alle società dilettantistiche, utilizzo dello strumento di autofinaziamento del 5 x 1000 e utilità della figura di un tutor che aiutasse le società su questioni relative alla comunicazione e al marketing.

Dall’esame delle interviste è emerso il seguente quadro: Delle 251 società affiliate ben 216 sono iscritte al Coni, mentre 35 non lo sono. Sono, inoltre, iscritte effettivamente al registro del Coni 156 società. Interessanti sono stati anche i dati relativi al 5 x 1000. Su 251 società affiliate solo 45 si sono attivate e sfruttano questo strumento, mentre ben 206 non lo hanno ancora fatto. Sulla questione relativa all’utilità di un tutor che le seguisse nelle azioni di comunicazione e marketing ben 234 società si sono dichiarate favorevoli, mentre solo 17 si sono dichiarate contrarie”.

In virtù di questi risultati il CRB sta già vagliando le disponibilità di alcune figure adatte a ricoprire tale incarico, mentre la questione relativa al 5 x 1000 è statapubblico affrontata dal presidente del Matheola. “Le società sportive dilettantistiche – ha spiegato Giuseppe Montemurro – possono usufruire del 5 x 1000 se la loro attività prevalente ha fini sociali e specificando se hanno un settore giovanile con ragazzi fino ai 18 anni, se svolgono attività sportiva a favore di persone che hanno più di 60 anni e se svolgono attività sportiva per categorie di persone con disagio sociale, fisico o psichico. Altro vincolo è l’appartenenza ad una federazione sportiva nazionale o ente di promozione sportiva ed essere iscritti al Coni. Le procedure di iscrizione presso l’Agenzia delle Entrate sono semplici e molto ben guidate dallo stesso sito dell’Agenzia e le trasmissioni devono essere telematiche.”

La cerimonia di premiazione delle società vincitrici di campionati e coppa disciplina nella stagione 2012/2013 ha concluso una festa ricca di contenuti e partecipata.

Print Friendly, PDF & Email

La Redazione

la Redazione del Lucano Magazine - Attualità, Politica, Economia, Turismo e Sport in salsa Lucana