Dominik Carlomagno – Successi e speranze di un giovanissimo cantautore lucano

Dominik. 22 anni, di Sarconi. La musica entra nella sua vita un po’ per caso, a scuola, quando si iscrive al liceo ad indirizzo musicale di Moliterno, dove studia chitarra classica e perfeziona da autodidatta quella elettrica e acustica. Un sogno, quello dell’artista lucano, che già lo ha visto autore del suo primo disco e che lo porterà, come lui stesso spera, a grandi soddisfazioni.

 

IMG_6094

 

La sua passione per la scrittura come e quando l’ha scoperta?
Mi sono appassionato alla scrittura, ai cantautori italiani seppure io ascoltassi molto il rock, soprattutto cantanti esteri.

Qual è il suo genere di musica?
Il mio è un pop, pop rock. Qualche stesura di chitarra elettrica, comunque molto ascoltabile, molto commerciale. Sono autore di tutta la musica e tutte le parole delle mie canzoni.

È difficile in Basilicata essere cantautori?
Il problema di fondo che in Basilicata è proprio difficile interpretare la parola cantautore. Sono per questo poche le persone che conoscono il vero significato della parola “cantautore”.

Ha già avuto collaborazioni regionali e nazionali?
Ovviamente sono agli inzi e mi sto muovendo ora, sto stringendo una collaborazione con Graziano Accinni ex chitarrista di Mango.

Come e cosa si prova esssere a 22 anni un Cantautore e soprattutto fare quello che si sogna di fare nella vita?
Inseguendo i propri sogni e credendo tantissimo in se stessi. Ho fatto però il mio primo disco, uscito ad aprile 2015, dopo un duro anno di sacrifici. Ma sacrifici ben ricompensati.

Musicalmente parlando, si ispira a qualche cantante in particolare?
Non ho un modello, nemmeno un cantante ispiratore in particolare, mi piace spaziare ed ascoltare di tutto. Se ci si riferisce a cantautori ci si collega subito a Battisti, Battiato, De Gregori e alla scrittura di Mogol. Non mi piace però essere la copia o imitare qualcun altro. Mi piace essere me stesso.

L’intervista completa nel Lucano Magazine in edicola!!

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Veronica D'Andrea

Classe 1982. Laureata in Teoria e Filosofia della Comunicazione nell’ateneo lucano, è amante della sua terra natale, a tratti ostile anche per chi è appassionato come lei di comunicazione. La penna è il prolungamento del pensiero e il foglio scritto diventa l’amplificatore di chi non ha la voce troppo alta.